18 anni per superare le correnti gravitazionali

gull-2392128_640Oggi sono 18 anni dal nostro incontro caro figlio. Anche se ti ho intravisto qualche mese prima, in una sbiadita riproduzione dell’ecografia. Anche se ti ho sentito muovere nella pancia di tua mamma. 

Grazie a te sono diventato padre e genitore. Per me essere genitore è aver cura di un altro essere umano. Significa portarti nel cuore e nella mente tutto il giorno, ovunque io o tu sia. Non come un pensiero ossessivo che disturba, e di cui vuoi liberarti, ma come una preziosa collana che ogni tanto si tocca e ci porta ad un sorriso, un’immagine, un ricordo.

Aver cura di un figlio, per me, è anzitutto aver cura di sé stessi. Perché alla fine l’esempio è ciò che ti rimarrà di me. Mi hai “costretto” a cambiare, a lasciare ciò che non mi faceva bene e di conseguenza non avrebbe fatto del bene neppure a te.

Sappi che oggi non ho esaurito il mio compito, c’è ancora tanto altro da fare. Non perché tu non sia adulto, ma da adesso in poi qualcosa dovrà cambiare. Soprattutto in me, che dovrò imparare a portarti ancora di più nel cuore e nella mente, perché sarai ogni giorno un po più lontano fisicamente. E’ facile oggi aver cura di te a pranzo e a cena. Domani sarà un po più difficile se tu sarai seduto ad un’altra tavola a 200 o 300 Km da casa.

C’è una bellissima canzone di Franco Battiato, che mi ha ispirato fin dal giorno della tua nascita: “La cura”. Si parla di un genitore che promette di superare le correnti gravitazionali per amore del proprio figlio. Ecco questa è la mia nuova sfida, piegare le leggi dell’universo per te. 

Ogni genitore vorrebbe stare sempre con il proprio figlio, questa è una legge universale, ma arriva un momento in cui questo diviene nocivo, tossico e distruttivo. Ecco oggi è quel giorno in cui sono chiamato a superare le leggi universali per amore, consapevole che solo così, lontano da me potrai crescere.

Perché sei un essere speciale, e io avrò cura di te, io si, avrò cura di te… così lasciandoti andare con il sorriso e con la fiducia che questo è veramente il meglio per te.

 

Condividi il post:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on skype
Skype

Tutto inizia da una fine

Pedagogista Clinico

Ho deciso che la prima storia che condivido con te è la prima situazione che seguii in qualità di Pedagogista Clinico. Ho sempre creduto che gli incontri non avvengano a caso, che esista sempre una buona dose di sincronicità. Questo particolarmente all’inizio della carriera, momento in cui hai bisogno di capire tutto ciò che non ti è stato detto durante i tre anni di corso di specializzazione per diventare un Pedagogista Clinico. Grazie a Piero io e lui abbiamo capito il valore del silenzio, del vuoto. Il bello di questa professione, ciò che mi entusiasma è che continuo a crescere grazie alle persone che incontro. Perché nessuno educa nessuno, ma ci si educa assieme.

Piero a quell’epoca (Il 2002) ha 43 anni, io dieci in meno di lui, è un piccolo imprenditore edile del Veneto. Il mercato immobiliare in quel periodo era ancora molto attivo, la crisi era alle porte, però nessuno se ne stava accorgendo. Piero era figlio d’arte di un muratore che aveva fatto tanti sacrifici per far studiare il figlio. Lui era riuscito a prendere il diploma di geometra e da quel momento padre e figlio avevano fondato la società di costruzioni. All’inizio loro due, poi si erano ingranditi. Tre/quattro operai, il camion più grande, il magazzino più grande e così via. Il papà di Piero muore nel 2001, non molto vecchio, ma logorato da un lavoro pesante. Lascia al figlio l’eredità dell’azienda tanto sudata, sicuro che l’avrebbe fatta crescere e preservata. Piero però, pur conoscendo bene il lavoro, inizia a commettere molti errori che lo portano nell’arco di un anno ai limiti del fallimento. Un ingegnere per cui lavora, e mio amico, ci mette in contatto, anche lui è sinceramente preoccupato per questo uomo che vede girare a vuoto e che non riesce a proseguire l’attività lasciata dal padre.

Al primo incontro ero spaventato, eccitato, insicuro e con la voglia di mettere in campo ciò che avevo imparato. Mi ero preparato da due giorni, con tanto di simulate al tavolo con davanti una sedia vuota, che per era già occupata da Piero.

Il mio cliente arrivò puntale, alle 18.30, perché prima doveva lavorare in cantiere e poi passare da casa per lavarsi e sistemarsi. Lo accolsi all’ingresso dello studio di Pedagogista Clinico, e lo feci accomodare nella stanza. Si sedette sulla sedia e mi guardò. Io guardai lui continuando a ripetere nella mia testa la frase: “lascia che sia lui ad iniziare, fai silenzio, il silenzio è un vuoto che il cliente può riempire come crede, se parli tu lui non parlerà”. Era il mio mantra, quello che alla scuola di specializzazione mi aveva consegnato. Io avrei voluto parlare, porre mille domande, ma riuscii a contenermi. Passarono forse uno o due minuti, che a me parsero ore, poi lui iniziò a raccontare di sè. Parlò della sua attività, delle sue difficoltà, di quanto fosse “sconcentrato” sul lavoro e soprattutto impaurito. Mi disse che il padre era per lui un riferimento, e ora quando doveva prendere delle decisioni tentennava, era insicuro e spesso sceglieva a casaccio. Naturalmente le ripercussioni erano disastrose, aveva già perso milioni di lire (ora migliaia di euro) in investimenti sbagliati, in preventivi sottostimati in acquisti inutili. Io “semplicemente” ascoltavo, anche se era uno sforzo disumano. Avrei voluto riempirlo di consigli, di tecniche, di informazioni sul giusto e sullo sbagliato. Alla fine dell’incontro mi stupi dicendo: “grazie, finalmente qualcuno che mi ha ascoltato, tutti mi danno consigli: mia moglie, gli amici, i colleghi, ma io non riesco a seguirli anche se capisco che hanno senso. Questo mi abbatte ancora di più, mi demoralizza.” Proseguimmo nei nostri incontri, in cui lui parlava e io ascoltavo e poi via via ci avvicinammo alle tecniche dialogico corporee. Mi disse che viveva come “scollato” dal proprio corpo. Non percepiva il corpo se non la sera, quando indolenzito per il lavoro nel cantiere, andava a letto e chiudeva gli occhi. Piero ebbe l’opportunità, grazie alle tecniche dialogico corporee, di rimanere in ascolto di se stesso e di vivere il vuoto. Un vuoto che all’inizio ti spaventa, ti sconcerta, ma che poi inizia a donarti idee, sensazioni nuove, certezze.

Piero capii che alla fin fine il suo problema era che non riusciva ad accedere a ciò che già sapeva, al suo patrimonio interiore. Si rese conto che sapeva bene cosa doveva fare e come gestire l’impresa che aveva creato con il padre più di vent’anni prima. Sapeva tutto, ma non si era permesso, non aveva avuto l’occasione di ascoltarsi. Dava retta ai consulenti, agli amici, a tutti fuorché a se stesso, per questo non sceglieva, ma delegava agli altri.

Nei mesi imparò sempre più a fare vuoto, ad avvicinarsi al silenzio, a non avere paura di questa dimensione. Nacque in lui una crescente determinazione, una focalizzazione che fino ad ora aveva delegato al padre. Capii, ma non perché io lo suggerii, ma ascoltandosi, che negli anni aveva lasciato che il padre prendesse le decisioni. Per questo quando lui era venuto a mancare si era trovato in difficoltà. Certo fa comodo che siano gli altri a decidere, a scegliere per noi, però poi non si cresce non si diventa autonomi. Nei mesi Piero raggiunse quell’autonomia di pensiero che permise all’azienda di evitare il fallimento. Non solo, a distanza di anni l’azienda si ingrandì, grazie alla rinnovata energia del titolare. Tre anni dopo arrivò da me un altro imprenditore edile, amico di Piero, anche lui viveva una situazione simile. Piero raccontò della propria esperienza al suo amico e questi venne da dicendo: “voglio anch’io avere tutta l’energia di Piero, la sua determinazione, la sua serenità”. In uno degli ultimi incontri mi disse che stava diventando uomo a 43 anni.

Il nuovo trova spazio se il vecchio si fa da parte, questa è una legge universale. Piero ha potuto iniziare la sua vita da adulto perché ha lasciato andare il padre, e sono sicuro che papà ora è orgoglioso di lui.
 

Condividi il post:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on skype
Skype

Mi presento

Il nome che ho ricevuto dai miei genitori è Carlo, che deriva dal tedesco il cui significato è “uomo libero” e così mi sono sempre sentito. Libero da pregiudizi, per quanto lo si possa essere; sicuramente amo la libertà di pensiero.

Il mio nome è anche Matteo, che deriva dell’ebraico e significa “dono di Dio”, perché sono nato il 21 settembre, giorno in cui la Chiesa Cattolica commemora San Matteo Evangelista. Mi piace particolarmente questo nome perché mi spinge ad essere dono per le persone.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram

Categorie

Blogroll

Editor's choice

Fashion

Main Slider Home

Photography

Iscriviti alla Newsletter